Dubito Ergo SumCOMUNICAZIONEIl malore improvviso della nuova normalità
Dubito Ergo SumCOMUNICAZIONEIl malore improvviso della nuova normalità
Il malore improvviso della nuova nomalità
11 minuti di lettura

Col malore improvviso della nuova normalità, che ci hanno imposto a forza di ricatti, abusi e violenza psicologica, violando con la legge “i limiti imposti dal rispetto della persona umana” (cit.), oggi

morire di prevenzione e solidarietà è da considerarsi un sacrificio volontario per il bene della collettività.

Sembrano parole deliranti ma, nella sostanza dei fatti, è ciò che sta accadendo tutti i giorni da quando è stata fatta la prima inoculazione del siero magico.

Ve lo dimostro con fatti e dati alla mano.

16 Giugno 2021
Al senato, con dati alla mano, nutrivano gli stessi legittimi dubbi di milioni di italiani sulla necessità di vaccinare o meno i bambini e sapevano che la fascia di popolazione più a rischio fossero gli anziani e i pazienti con comorbilità o malattie croniche pregresse.

fonte: Senato.it

30 Aprile 2021
Pfizer pubblicava un’analisi cumulativa delle segnalazioni di eventi avversi dopo l’autorizzazione all’immissione in commercio che non lasciava presagire nulla di buono.

Ciò che molti non hanno ancora capito è che i vaccini covid non sono mai stati dichiarati ufficialmente “efficaci e sicuri” da nessun ente superpates, sono stati solo autorizzati ad essere venduti e comprati, la somministrazione poi è stata affare dei vari governi, con i vari scudi per i medici “vaccinatori” strapagati e le offerte vaccinali con panino e birra inclusi, cose ai limiti della realtà , ma tutto questo è successo in una specie di ipnosi generale.

Nelle ultime 9 pagine ci sono tutti gli “eventuali” eventi avversi che potrebbero verificarsi e nel caso essere segnalati agli organi competenti.

In sintesi il rapporto concludeva così:

«La revisione dei dati disponibili per questa esperienza cumulativa di PM, conferma un favorevole rapporto beneficio/rischio per BNT162b2. Pfizer continuerà le attività di farmacovigilanza di routine per conto di BioNTech secondo l’accordo di farmacovigilanza in vigore, al fine di garantire la sicurezza del paziente e informerà l’Agenzia se una valutazione dei dati di sicurezza produce nuove informazioni significative per BNT162b2.»

In pratica: l’oste dice che il vino è buono, con buona pace di chi ci resta secco.


Maggio 2021
Il rapporto AIFA n.5 del 2021 conteggiava 213 decessi segnalati in due settimane a seguito della prima dose di vaccino anti covid-19, ma prevedeva 2.034 morti nella fascia 30-69 anni e 13.511 morti nella fascia over 70 e solo nella prima settimana di somministrazioni!


Settembre 2021
Questo mentre Ricciardi at all., dall’alto della loro scienzah, cattedravano che i vaccini erano sicuri ed efficaci e l’ivermectina era buona solo per curare la scabbia.

Fonte video RAI3 dal programma Frontiere, puntata “NO-Vax? no grazie!”

19 agosto 2022
(a poco più di un anno dal report su indicato) Pfizer riporta con scientifica freddezza 3000 decessi a causa del siero magico.

Pfizer, Confidential – pg.78 (898 del documento integrale)

Ma noi sappiamo che codesti dati sono sottostimati, poiché frutto di una farmacovigilanza passiva, ovvero basate solo su segnalazioni spontanee.

Per avere un’idea sulla relazione che intercorre tra segnalazioni e casi reali, che si avvicini di più alla realtà, facciamo affidamento a uno studio scientifico redatto dall’ASL pugliese che per 4 anni ha portato avanti un programma di SORVEGLIANZA DEGLI EVENTI AVVERSI A VACCINO IN PUGLIA (Report 2013/2017 ~ sul link originale è sparito).

A pg.26 possiamo leggere che su 1.672 bambini seguiti per un anno, le segnalazioni degli eventi avversi gravi correlati alla vaccinazione MPRV, con sorveglianza attiva, sono state di 40,69 su mille, cioè 4 su cento (4%). Con la farmacovigilanza passiva, per lo stesso vaccino e nello stesso periodo di tempo, le segnalazioni sono state di 0,12 su mille, ovvero 1 caso ogni 12.000 (0.012%).

Pg.26 del rapporto di Sorveglianza degli Eventi Avversi A Vaccino In Puglia (2013/2017)1

Non so se avete compreso bene: i casi gravi raccolti con la farmacovigilanza attiva superano di 339 volte (40.69 / 0.12) le segnalazioni ricevute spontaneamente con farmacovigilanza passiva!

E qui stiamo parlando di bambini, perché se questo è vero per effetti collaterali invalidanti, Dio solo sa per quanti malori e morti improvvise per tutte le età è stata fatta una segnalazione spontanea come correlata alla vaccinazione. Poco o niente immagino.

Chi ha il coraggio di guardarsi in faccia col morto in casa e decidere di indagare se la sua scelta è costata la vita a una figlia, un figlio, a un padre… a una madre, chi?

Da un articolo di giornale de LaVerità veniamo a sapere che, secondo il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare Sergio Costa, bisogna segnalare solo se c’è correlazione. Un contortissimo concetto che si spera resterà nei libri di Storia come un esempio dell’illogicità che ha permeato tutta la vicenda psicopandemica.

A riprova di ciò segnalo cosa riportano i medici di Commissione Medico-Scientifica indipendente riferendosi alla differenza tra il il 12° Rapporto AIFA e il sistema di sorveglianza attiva v-safe del CDC americano:

«E’ palese un’enorme sottostima di eventi avversi gravi: per chiarezza 17,7% : 0,0181 = quasi 980 volte meno nel 12° Rapporto AIFA rispetto alla proiezione dei riscontri del RCT registrati da Moderna, a dimostrazione della completa inefficienza del sistema di farmacovigilanza passiva vigente.»

fonte: ITV

Ma di che ci meravigliamo se poi sono gli stessi uomini di governo a dirci che hanno reazioni avverse, anche pesanti, ma non le segnalano?

Crosetto avrebbe fatto onore a Bossi perché se non segnala reazioni pesanti probabilmente ce l’ha duro

Molte persone che avevano patologie pregresse in forme anche gravi e disabilitanti sono state indicate correttamente come “soggetti fragili” e quindi, per la scienzah, andavano vaccinate con un siero sperimentale! Nessuna controindicazione per molti medici di famiglia e noi ci fidiamo dei nostri medici, no?

Dovrebbe essere chiaro il satanico capovolgimento della realtà, del sovvertimento dell’ordine naturale delle cose.

Eppure il semplice fatto di appellarsi al principio di precauzione aveva fatto dire a noi altri complottisti, no-vax, trogloditi e chi più ne ha più ne metta, che forse far sperimentare, con il ricatto nazista del green pass, sulla pelle dei cittadini un vaccino mai seriamente testato era un tantino azzardato.

Poco importa che oggi:

Moderna conferma che i vaccini contro il COVID mRNA causano pericolosi casi di cancro

o che le vaccinazioni a m-Rna causano miocarditi, perché tanto sono benigne!

o ancora questo studio, pubblicato a Settembre 2023 (in preprint, ovvero non sottoposto ancora a revisione paritaria, ndr), che rivela la precisa correlazione statistica tra eccesso di mortalità e campagna vaccinale covid in Australia.

L’Abstract recita così:

Gli ultimi dati sulla mortalità australiana forniscono la prima chiara indicazione statistica che le iniezioni di COVID-19 stanno causando danni a lungo termine alla popolazione, mentre ulteriori iniezioni potrebbero causare danni proporzionati maggiori. La relazione causale tra le iniezioni di COVID e le morti in eccesso scoperte in studi precedenti si è dimostrata accuratamente predittiva, perché l’Australia è senza dubbio un eccellente esperimento naturale “controllato” sugli effetti dell’intervento. Significativamente, questa brutta notizia sulle iniezioni è rilevante anche per il resto del mondo.

Qui un video che ne parla:

https://youtu.be/_ubLCwpgxHA?si=70vuDRXVIgciUiZd
4/5/2024: i VACCINI sono la CAUSA dell’eccesso di MORTI di AlmaPhysio. Una canale con oltre 950mila iscritti… vediamo quanto tempo dura su YouTube.

(aggiornamento del 17/5/2024 vedi commento a fine articolo)

Pare che dopo l’uscita di questo video, e mentre scrivo, lo studio sia magicamente sparito da sito! Ma il sottoscritto, che conosce i suoi polli, l’ha preventivamente salvato. Per i granitici convinti che sia tutta una fake, di seguito vi incollo la pagina com’era prima della cancellazione della ricerca (un grazie ad Archive.org)!

Ne stanno uscendo fuori a decine, se non centinaia di studi simili che in buona sostanza denunciano la poca efficacia dei vaccini covid-19 e i troppi lati oscuri che mai sufficientemente, né seriamente vengono approfonditi.

Eppure sarebbe bastato un po’ di buon senso e dire NO! a tutte le nefandezze nazistoidi che il governo ha imposto totalitariamente al popolo psicologicamente terrorizzato dai mass-media criminalmente complici.

Ma allora perché questo anomalo aumento dei decessi che si registra in tutto il mondo, perché questo dilagare del malore improvviso?

A dispetto di ciò che possiate credere, si registrano in tutto il mondo e sull’inquietante argomento un gruppo di cinque scienziati giapponesi ha utilizzato un intero set di dati basato sui 123 milioni di abitanti del Paese (il Giappone ha il tasso di vaccinazione più alto al mondo) per studiare l’eccesso di mortalità per cancro in coincidenza con la vaccinazione COVID di massa, e nel loro studio:

Aumento della mortalità per cancro aggiustata per età dopo la terza dose di vaccino a nanoparticelle lipidiche[approfondisci*] a mRNA durante la pandemia di COVID-19 in Giappone

concludono che:

Questi aumenti particolarmente marcati dei tassi di mortalità di questi tumori sensibili all’ERα (recettori degli estrogeni alfa, nda)2 possono essere attribuiti a diversi meccanismi della vaccinazione mRNA-LNP, piuttosto che all’infezione COVID-19 stessa o alla riduzione dell’assistenza oncologica dovuta al lockdown

Questi citati sono solo alcuni tra gli innumerevoli studi che vengono man mano pubblicati (compreso questo che dovrebbe far comprendere del perché in Italia le autopsie non si fanno, ndr) che dimostrano, dati scientifici alla mano, le scellerate scelte politiche che hanno indotto milioni di ignare persone a vaccinarsi fidandosi solo di spot propagandistici che spingevano ossessivamente alla vaccinazione.

Il sito web americano howbad.info riporta una impressionante mole di dati sui lotti e relativi decessi, disabilità e malattie associati ai vaccini Covid 19. Tutti i dati provengono dal Vaccine adverse Event Reporting System (VAERS), un database americano pubblico di oltre 700.000 rapporti sulle reazioni avverse per Moderna, Pfizer e Janssen Covid 19.

L’obiettivo di questi attivisti, tra cui il dr. Mike Yeadon che fino al 2011, ha ricoperto il ruolo di capo scienziato e vicepresidente della divisione di ricerca sulle allergie e sulle vie respiratorie per la Pfizer, ed è cofondatore ed ex amministratore delegato della società di biotecnologia Ziarco, è quello di presentare i dati VAERS in maniera chiara ed accessibile per tutti.

Ebbene, per la serie “sicuri ed efficaci”, per quanto riguarda le morti improvvise, dai dati aggiornati a fine marzo 2024, risulta che esiste una probabilità del 97,5% che la correlazione tra vaccino covid e morte improvvisa sia MAGGIORE di 2,6 volte rispetto ad altri tipi vaccini, una probabilità di quasi il 98% che i vaccini covid causino una mortalità accidentale quasi tripla rispetto a tutti gli altri vaccini.

Un dato che era stato denunciato già a fine 2022 dall’dell’Associazione Nazionale dei Medici di Assicurazione Sanitaria (KBV) che registravano un aumentato delle morti improvvise di oltre quattro volte rispetto agli anni precedenti. In particolare, a partire dal primo trimestre del 2021, ogni trimestre sono stati registrate più morti improvvise che in tutti gli anni dal 2016 al 2020.

Fonte immagine: Afdbundestag
Dal min. 34.18 l’analista di dati tedesco Tom Lausen mostra i date della KBV

Il partito dell’estrema destra tedesca non s’è lasciata scappare un’occasione ghiotta come questa per attaccare gli avversari politici, ma a me interessano i dati del KBV che erano più che in linea con il trend delle morti improvvise a livello euopreo in quel periodo.

Tuttavia, a valle di tutto ciò, oggi succede che

Ma forse il perché risiede in questo tipo di studi, fatti dal NIH, dell’allora Dott. Fauci, basati su una revisione della letteratura e una meta-analisi dei dati dai quali vien fuori che:

I vaccini COVID-19 sono altamente protettivi contro le malattie legate alla SARS-CoV-2 in contesti reali.

Ed infine, ma non per questo l’ultimo, uno studio pubblicato su PUBMED in revisione paritaria che in buona sostanza chiede una immediata moratoria globale sulle vaccinazione covid a m-Rna.

Vaccini mRNA per il COVID-19: lezioni apprese dalle sperimentazioni registrate e dalla campagna di vaccinazione globale

La nostra comprensione delle vaccinazioni contro il COVID-19 e del loro impatto sulla salute e sulla mortalità si è evoluta sostanzialmente dalla prima introduzione del vaccino.

I rapporti pubblicati dagli studi randomizzati originali di fase 3 hanno concluso che i vaccini mRNA contro il COVID-19 potrebbero ridurre notevolmente i sintomi del COVID-19. Nel frattempo sono emersi problemi con i metodi, l’esecuzione e la rendicontazione di questi studi cruciali.

La rianalisi dei dati dello studio Pfizer ha identificato aumenti statisticamente significativi degli eventi avversi gravi (SAE) nel gruppo del vaccinati.

Numerosi eventi avversi gravi (SAE) sono stati identificati in seguito all’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA), tra cui decesso, cancro, eventi cardiaci e vari disturbi autoimmuni, ematologici, riproduttivi e neurologici.

Inoltre, questi prodotti non sono mai stati sottoposti ad adeguati test di sicurezza e tossicologici secondo gli standard scientifici precedentemente stabiliti.


Tra gli altri argomenti principali affrontati in questa revisione narrativa ci sono le analisi pubblicate sui gravi danni agli esseri umani, i problemi di controllo della qualità e le impurità legate ai processi, i meccanismi alla base degli eventi avversi (EA), la base immunologica per l’inefficacia del vaccino e le tendenze della mortalità basate su i dati sperimentali registrati.

Il bilancio rischio-beneficio, dimostrato fino ad oggi dalle prove, controindica ulteriori iniezioni di richiamo e, come minimo, suggerisce che le iniezioni di mRNA dovrebbero essere rimosse dal programma di immunizzazione infantile fino a quando non saranno condotti adeguati studi tossicologici e di sicurezza.

L’approvazione da parte dell’agenzia federale dei vaccini mRNA COVID-19 su una base di copertura generale a livello di popolazione non è stata supportata da una valutazione onesta di tutti i rilevanti dati registrati e da una commisurata valutazione dei rischi rispetto ai benefici.

Considerati gli effetti collaterali ben documentati e l’inaccettabile rapporto danno-beneficio, chiediamo ai governi di sostenere e imporre una moratoria globale su questi prodotti di mRNA modificato fino a quando non saranno risposte tutte le domande rilevanti riguardanti la causalità, il DNA residuo e la produzione aberrante di proteine.

fonte: PubMed

Ma ho un vago sospetto che anche questo importantissimo ed autorevole studio andrà dritto dritto nel dimenticatoio per non dire nel cesso, ops! l’ho detto, perché da quando seguo queste questioni ne ho visti fin troppi di studi, denunce magistralmente impiantate che sono semplicemente state ignorate, come se non fossero mai esistite.

Ignorare le morti colpose non trattasi solo di dolo ma anche di una completa alessitimia di chi occupa le posizioni decisionali nei vari organi istituzionali.

dopotutto non dovrebbe neanche sorprenderci questa cosa poiché basta guardare negli occhi di uno Speranza, di un Draghi o Monti, di un Soros, una Von Der Lyen, uno Shaub o una Lagarde per rendersi conto che non sono in grado né di esprimere, né di riconoscere le emozioni.

Esseri apatici completamente svuotati di ogni umanità.

Un vero e proprio cartello malavitoso internazionale senza scrupoli, né etica e morale, che sistematicamente ignora, con la complicità dei media asserviti, i decessi e gli effetti collaterali delle loro vaccinazioni anti covid, così come ha anche denunciato un Senatore americano, Ron Johnson, chiaramente non potrà mai concorrere alle presidenziali.

Grazie al team di Detoxed.info

Termino con questo pensiero:

Per quanto riguarda la medicina, non abbiamo verità assolute e certe, non riusciamo sempre in tutti i casi e in tutte le condizioni a risolvere i problemi, ma in buona percentuale sì.

Alla base dev’esserci l’umiltà, la consapevolezza che abbiamo dei limiti, e conformare le nostre iniziative all’etica, a quello che le banche dati biomediche mondiali ufficiali ci consentono di studiare, recepire e applicare. Il tutto filtrato dall’esperienza nostra, dei nostri colleghi.

Questa è stata definita “Medicina basata sull’evidenza”: io devo basare le mie scelte terapeutiche sull’evidenza. Il fine dev’essere unico: quello di migliorare nel limite del possibile la qualità di vita, sollevare dalle sofferenze e cercare anche di salvare la maggior percentuale possibile di persone.

Per chi non l’avesse ancora percepito, noi viviamo in un regime, in una dittatura che è anche mediatica perché molte volte, persone che hanno capito temono di esprimere un parere che è al di fuori di quelle che sono le verità ufficiali.

Dott. Giuseppe Di Bella

Note:
1 Naturalmente questo rapporto ha destato non poco scalpore nell’ambiente medico e subito l’anno dopo le riviste del settore hanno tentato di correggere il tiro. Qui di seguito un commento del Dott. Paolo Bellavite “Reazioni avverse al vaccino MPRV, numeri e qualche commento“:
“La rivista “Vaccines” ha appena pubblicato un lavoro di ricercatori dellʼUniversità di Bari e della Regione Puglia, dove riportano, aggiornandoli, i principali risultati del famoso “report” dell’Osservatorio Epidemiologico pugliese del 2018 sul vaccino morbillo-parotite- rosolia-varicella (MPRV), cui già fu data notevole enfasi dai mass-media.”
il presente report prende in esame tutte le sospette reazioni avverse inserite nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza (RNF) nell’anno 2018
2 I recettori degli estrogeni alfa (ERα) e beta (ERβ) sono fattori di trascrizione nucleare coinvolti nella regolazione di molti processi fisiologici complessi nell’uomo.
E’ interessante notare che «La maggior parte delle pazienti con progressione del tumore, nonostante il trattamento con tamoxifen, continuano ad esprimere ERa nella neoplasia. Questo dato suggerisce che, contrariamente a quanto si potrebbe immaginare (es. perdita di espressione di ERα nelle cellule divenute resistenti) altri meccanismi molecolari sono responsabili
della resistenza, ad esempio polimorfismi di ERα. Sono state identificate numerose varianti del gene ERα nel DNA estratto da tumori, sebbene la maggior parte di queste non abbia significato funzionale. Un meccanismo potenzialmente responsabile di resistenza è la delezione dell’esone 5 di ERα per difetto del meccanismo di splicing»
(da “Farmacogenetica di ERa e ERb“, estratto dallo studio su “Farmacogenetica del trattamento anti-estrogeno del carcinoma mammario” pubblicato sul Giornale Italiano di Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione nel 2012.

fonti:
https://lanuovabq.it/it/3000-morti-pfizer-ammette-con-freddezza-il-dramma-dei-danneggiati
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/38274635/
https://cmsindipendente.it/2022_07_31/rapporto_AIFA_vaccini_anticovid_inattendibile_reazione_avverse_sottostimate_centinaia_di_volte
https://scenarieconomici.it/studio-giapponese-rivela-un-preoccupante-incremento-della-mortalita-in-eccesso/

*Gli scienziati di Moderna avvertono che i vaccini mRNA comportano rischi di tossicità

La tecnologia utilizzata nel vaccino COVID-19 di Moderna comporta rischi di tossicità, hanno affermato gli scienziati dell’azienda in un nuovo articolo.

“Una sfida importante ora è come ridurre in modo efficiente i rischi potenziali di tossicità associati alla tecnologia mRNA”, hanno scritto gli scienziati nel documento, pubblicato da Nature Reviews Drug Discovery il 23 gennaio.

L’mRNA formulato con nanoparticelle lipidiche è una tecnologia trasformativa che ha consentito il rapido sviluppo e la somministrazione di miliardi di dosi di vaccino contro la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) in tutto il mondo. Tuttavia, evitare una tossicità inaccettabile. con farmaci e vaccini a base di mRNA. si presenta come una sfida.

I componenti strutturali delle nanoparticelle lipidiche, i metodi di produzione, la via di somministrazione e le proteine prodotte da mRNA complessati presentano tutti problemi di tossicità.

Qui discutiamo di queste preoccupazioni, in particolare di come il tropismo cellulare e la distribuzione tissutale dell’mRNA e delle nanoparticelle lipidiche possano portare alla tossicità e alla loro possibile reattogenicità.

Ci concentriamo sugli eventi avversi derivanti dalle applicazioni dell’mRNA per la sostituzione proteica e le terapie di editing genetico, nonché per i vaccini, tracciando percorsi biochimici e cellulari comuni.

Pubblicato anche su PubMed: “Strategie per ridurre i rischi di tossicità di farmaci e vaccini a mRNA

Foto di copertina Mirko Sajkov da Pixabay

Carogiù

”La saggezza arriva con l’abilità di essere nella quiete. L’essere nella quiete,l’osservare e l’ascoltare, attiva in voi l’intelligenza non concettuale. Lasciate che la quiete diriga le vostre parole e le vostre azioni.“ ~ Eckhart Tolle

One Comment

  1. A questo articolo si aggiunge uno “spin-off” che riguarda il video di Almaphisio che ho portato come esempio in merito alla tematica tratta nell’articolo.

     

    Tale video aveva susictato in me, e in molti altri del mondo della informazione integrativa, non poche perplessità poiché un tale video, con un tale titolo non sarebbe durato nemmeno il tempo di metterlo online, visto che gli algoritmi di controllo e censura di YouTube su questo sono più che mai tarati.

     

    Ebbene a distanza di poco più di 2 settimane dall’uscita del video e dopo aver superato le 350mila visualizzazioni l’autore del video decide di renderli pivati e non più pubblici e lo spiega qui:

     

     

    I commenti al video sono ovviamente disattivati.

     

    La mia modesta opinione è che con un canale da quasi 1Milione di iscritti l’autore abbia fatto parte (consapevolmente o no diventa irrilevante) di quella sottile strategia della censura che prevede il rilascio graduale e controllato di informazioni sensibili ma in contesti nei quali si riesce gestire il processo di ragionamento delle persone.
    Questo sembra, a parer mio, un esempio da manuale di cui un certo Eduard Bernays andrebbe fiero, specialmente della frecciatina ai “gruppi no-vax”.

     

    Adesso il milione di persone iscritte a questo canale, che in Italia è un numero ragguardevole che può rappresentare una vera e propria massa critica, penserà che seppur interessanti quelle informazioni non sono attendbili e che quindi chi le cita è altrettanto inattendibile.

     

    Il risultato è quello che i fuckcrekers chiamano “avvelenamento del pozzo“.

     

    Il video oscurato è visibile qui → https://t.me/luogocomune2/250?comment=68661

     

Commenti